21 Aprile 2018
News
percorso: Home > News > In evidenza

Mons. Michele Seccia indice "L´Anno Berardiano"

29-12-2016 20:26 - In evidenza
In occasione dei 900 anni della presenza di San Berardo nella diocesi teramana, proprio in occasione della festa patronale nella città aprutina, Mons. Michele Seccia, vescovo di Teramo-Atri ha annunciato, durante le celebrazioni in Cattedrale, l´indizione di un "Anno Berardiano" che, a partire da oggi, si concluderà il 19 dicembre del prossimo anno.

"In questo anno 2016, che ormai volge al termine", ha detto Monms. Seccia, durante l´omelia, ricordando la figura del santo, "si compie il IX secolo [1116+900] dall´arrivo di Berardo nella diocesi di Teramo per svolgervi la sua missione di Vescovo. D´intesa con il Clero e gli organismi di partecipazione e consultazione, vista la coincidenza con il Giubileo straordinario della Misericordia e non potendo riferirci ad una data certa dell´inizio del ministero episcopale di San Berardo ho ritenuto indire un Anno Berardiano dal 19 dicembre 2016 al 19 dicembre 2017".

san-berardoRicordando come le ultime vicende legate al terremoto abbiano ulteriormente colpito il territorio teramano già ferito dal sisma 2009, insieme alla crisi economica, culturale, sociale e religiosa che non lascia indenne nessuno, il successore di San Berardo ha invitato a riscoprire la gioia della fede proprio alla vigilia del Natale, considerando i momenti difficili e critici, un´opportunità di crescita e di speranza.

E sottolineando come questo sia il momento opportuno per rilanciare l´identità che accomuna i fedeli nelle radici della fede, il vescovo ha invitato i fedeli a riscoprire la figura del patrono, in modo che San Berardo possa tornare ad essere davvero un punto di riferimento per tutti i credenti della diocesi.

"Il patrono o Santo Protettore della città e dell´intera diocesi ha una peculiare importanza nella vita e nella storia di un popolo", ha detto Mons. Seccia, "ed è quanto mai necessario non perderne la memoria, riscoprire i valori spirituali, morali e sociali che il Patrono ha testimoniato ieri, come patrimonio da valorizzare per il bene comune e il progresso della comunità che lo venera e a Lui continua ad affidarsi".
Fonte:cityrumors.it
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
sei il visitatore numero
1141


www.buongiornissimo.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata